Seleziona una pagina

Le pecore ascoltano la Sua voce ed egli le chiama ciascuna per nome. Il Signore ci chiama per nome, ma ci sono altre voci da non seguire, quelle di estranei, ladri, briganti, che vogliono il male delle pecore. Queste diverse voci risuonano dentro di noi.” Come imparare a riconoscere la voce del Buon Pastore?

Hanno infatti modi opposti per bussare al nostro cuore, parlano due lingue diverse. Papa Francesco qualche settimana fa ci ha dato alcuni suggerimenti e indicazioni su come distinguere le ispirazioni che vengono da Dio da quelle che non sono secondo il Suo pensiero. Ecco il link dell’Angelus del Papa: https://youtu.be/P54LWW3HCSg

Foto di Trinity Kubassek da Pexels

L’ispirazione di Dio:

  • gentilmente parla alla coscienza
  • non obbliga mai: si propone, non si impone
  • corregge con tanta pazienza, incoraggia, consola, alimenta la speranza
  • ha un orizzonte aperto
  • parla al presente: ora puoi fare del bene ed esercitare la creatività dell’amore rinunciando a rimpianti e rimorsi che tengono prigioniero il cuore
  • mi fa domandare: che cosa mi fa bene? Non promette gioia a basso prezzo: invita ad andare oltre il nostro io per trovare il vero bene e la pace
  • ama la luce del sole, la verità, la trasparenza sincera
  • invita ad aprirsi, ad essere limpidi e fiduciosi in Dio e negli altri

La suggestione del maligno:

  • induce al male
  • seduce, assale, costringe; suscita illusioni abbaglianti, emozioni allettanti ma passeggere
  • all’inizio ci fa credere di essere onnipotenti, poi ci lascia col vuoto dentro e ci accusa: “tu non vali niente”
  • non ha un orizzonte aperto ma porta ad un muro, ad un angolo
  • distoglie dal presente, facendoci concentrare sui timori del futuro o sulle tristezze e amarezze del passato
  • mi fa domandare: che cosa mi va di fare? Ruota intorno all’io, alle sue pulsioni e bisogni da soddisfare tutto e subito come i capricci dei bambini
  • non dona pace, ma frenesia prima e amarezza dopo
  • predilige l’oscurità, la falsità, il pettegolezzo
  • dice: chiuditi in te stesso, nessuno ti capisce e ti ascolta, non fidarti

Le difficoltà ci portano a chiuderci in noi stessi: prestiamo attenzione alle voci che giungono al nostro cuore.” Che possiamo riconoscere e seguire la voce del Pastore Bello!

Buon cammino
Vostra sorella “Si naturale”

Condividi questa pagina!