Seleziona una pagina

Come la parola poetica si fa immagine della Parola di Dio

La nuova rubrica

Foto di Christine Sponchia da Pixabay

Con questo breve articolo, vogliamo inaugurare una nuova rubrica dal titolo Scribi del Mistero. Attraverso una serie di riflessioni cercheremo di conoscere alcune figure poetiche del Novecento e comprenderemo in che modo siano state davvero, con la loro spiritualità, passando attraverso i loro tormenti, scribi del mistero di Dio, che sentivano palpitare nelle profondità del loro cuore.

Scribi del Mistero

Scribi del Mistero. L’espressione che si vuole porre a titolo di questa nuova rubrica proviene da una poesia di D.M. Turoldo, In ricordo di Pessoa, contenuta nella silloge Nel segno del Tau. Il poeta scrive:

 
Anche le cose sono parole
 scrigni di sillabe divine: paroledimora dell’Essere”, e voi
 gli scribi del Mistero, o poeti.
 Un solo verso
 fessura sull’infinito come
 il costato aperto di Cristo
 un solo verso può fare
 più grande l’universo.

Non cose, ma parole

Foto di Pezibear da Pixabay

I poeti vengono definiti da Turoldo scribi del Mistero, come se appartenessero ad una compagine umana che guarda alle cose del mondo e non vede solo cose, ma parole. Ogni parola è per loro scrigno di sillabe divine, pensiero pensato e volontà in atto, dimora di Colui che è. Il poeta riesce a cogliere l’infinito, o meglio, l’Eterno che si schiude entro ogni recesso dell’esistenza, perché in ogni frammento di vita è in grado di cogliere quell’eco del dialogo trinitario che vivifica il mondo.

Simile allo svegliarsi

Con D.M. Turoldo, dunque, comincia la nostra esplorazione nel mondo dei poeti, nella loro anima sempre tormentata dalla duplice percezione dell’assenza di Dio e della sua mirabile presenza. Il lavoro del poeta è simile allo svegliarsi di prima mattina, quando ancora la natura sonnecchia avvolta dalle tenebre di una notte che sta trascorrendo, ma che non è ancora finita del tutto: armati della sola bisaccia dell’ispirazione e del solo pane della parola, il poeta scruta i primi raggi del sole farsi timidamente avanti sulle linee dell’orizzonte. Piano piano, scavando con pazienza negli antri della propria interiorità, il poeta diventa immagine della Parola e con un solo verso fa più grande l’universo.

Condividi questa pagina!